E se l’attesa dell’avventura fosse essa stessa l’avventura?

In coda sulla A1, superata la città di Bologna appena dopo mezzogiorno questa immagine mi si è appiccicata al cervello come l’unto sulle dita della schiacciata che stavo masticando noiosamente.

Con tutti i casini che dovevo ancora assolutamente risolvere, invece che soluzioni brillanti mi viene in mente il figaccione della Campari che mi offre un Americano con il suo sorrisetto serafico che sembra dirti:
“Sei nella merda”.
Meno due giorni alla partenza per il Marocco e ancora mille cose da fare. La moto senza ruote e i bagagli ancora da preparare… anzi ancora da pensare, che mi porto???
E’ martedì tredici marzo e ho pianificato la mia giornata come un orologio svizzero. Sveglia, bus, casa, macchina, Decathlon, a Prato daMotoabbigliamento, poi a Pavia da Bartubeless, alle 18 riunione in Palazzo Vecchio, torna a portare la macchina e a casa. Perfetto.
Mi sveglio alle 7.00 do un bacio a Marta e corro alla fermata dell’autobus per andare a casa dei miei genitori a prendere in prestito la macchina. Già si parte male, al Bar hanno finito i biglietti del Bus e rischio di prendermi una multa, pago il sovrapprezzo e faccio il biglietto a Bordo.
Presa la macchina a casa dei miei genitori con solo mezz’ora di ritardo corro da Decathlon e poi a Prato da Motoabbigliamento, dovrebbe essere arrivato in negozio l’ultimo ordine. Giacca, guanti e Pantaloni Sand 3 della Rev’it,  interfono, completo antipioggia ecc…
Invece arrivato a Prato inizia a rovinarsi la giornata.
Il corriere non è ancora arrivato, prendo un po’ di tempo, posso recuperare in Autostrada. Sto ancora decidendo se partire per Pavia e posticipare il passaggio da Motoabbigliamento al mio rientro quando mi suona il cell:
Lui “Ciao sono Stefano di Bartubeless”.
Io “ciao Stefano, tra poco parto e vengo su…”.
LUI”c’è un problema con le gomme…. ci hanno spedito le posteriori del 17… e non del 18!”.
Io “ma come? vai a fidarti dei tedeschi!!!”.
Lui ” ce ne siamo accorti ora che stavamo montando le gomme nuove sui cerchi convertiti”.
IO nel panico ” merda… giovedì ho il traghetto per il Marocco… non posso aspettare!!!”
Lui ” aggiorniamoci, una soluzione si trova”.

Eccoci. maremma maiala.

Prendo lo smartphone e provo a cercare su Google dei fornitori di gomme con l’idea di comprarne un altro treno e portarlo a Pavia dove i cerchi aspettano. Ma il cellulare non è collaborativo e decide di finire i Giga di navigazione internet proprio ora.

Eccociiii…. maremma maiala impestata.

Per fortuna i ragazzi di Motoabbigliamento sono gentilissimi e mi fanno usare il loro PC in negozio. Però nessuno sembra avere le gomme adatte, andrebbero ordinate ma non ho assolutamente tempo per aspettare 2 o 3 giorni. Allora provo a chiamare al telefono Honda Firenze, dove la moto aspetta da giorni su un banco da lavoro senza ruote, magari loro hanno un treno di gomme da vendermi…

IO: ” buongiorno, sono Paolo il ragazzo che ha la Moto senza ruote li da voi, non è che mi passa l’officina?”
Lei: ” mi dispiace ma siamo chiusi per lutto fino a giovedì”.

ECCOCIIIII maremma maiala ipestata ladra.

IO: ” guardi mi dispiace molto… ma io devo partire per ilMarocco giovedì, non posso lasciarvi la moto!”
Lei: “la faccio richiamare”.

Decido di non aspettare più il corriere, rimanderò Motoabbigliamento a domani, e mi avvio in macchina verso Pavia.
Richiamo Stefano di Bartubeless, gli dico che non ho trovato le gomme e che intanto vado su da lui, al limite giro tutta Milano alla ricerca di una 18 pollici. Lui cerca di tranquillizzarmi e mi dice che un treno di gomme lo troviamo sicuro… Speriamo!!!
Sull’appennino c’è coda e dopo Bologna tempaccio, piove c’è traffico e io sono pieno di briciole, con le mani unte di schiacciata e in mente sempre lo stronzo della Campari che mi offre drink sfottendo.

Alla fine arrivo alle tre di pomeriggio da Bartubeless, i cerchi convertiti sono pronti ma le gomme non ci sono. Visito l’azienda mentre cerco di mettermi in contatto con Stefano che è in giro per Milano a fare consegne. Cerco di carpire i segreti aziendali… ma manco fosse l’Area 51 non riesco proprio a sbirciare nella stanza della conversione.

Come mi salverò da questa situazione di merda?
Telefonicamente mi accordo con i meccanici di Honda Firenze per andare a rimontare le ruote della moto il giorno seguente, (che gentilissimi apriranno per me) sperando di avere le gomme.
Mentre aspetto contatto i gommisti della zona ma niente… nessuno ha disponibili delle gomme giuste per me, ormai si fa tutto su ordinazione, i magazzini spediscono da tutta Europa in 2 o 3 giorni e ai gommisti non conviene tenere in magazzino gomme.

Per fortuna alla fine Stefano mi chiama al telefono e  mi dice che ha trovato, grazie ad un amico di Honda Milano, delle Anlas CAPRA X della misura giusta. Grazie al cielo!!!

E’ fatta, posso partire!!!
Ormai la riunione in Palazzo Vecchio è saltata ma almeno tornerò a Firenze con le gomme montate sui cerchi tubeless!

 

Grazie davvero di cuore ai Ragazzi di Motoabbigliamento, a Stefano di Bartubeless, al team di Honda Firenze per l’aiuto e il supporto!!!

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *