Ho testato gli stivali della FORMA BOOTS durante i 4500 Km in Marocco: Pioggia, asfalto, fango, pietre, sabbia e sterrati. Centinaia di chilometri in piedi sulle pedane e… alcune cadute!

Queste le mie impressioni e il mio giudizio!

Non vorrei soffermarmi molto sulle caratteristiche tecniche che potete facilmente trovare al sito internet di FORMA , mi limito a dire che sono calzature disegnate in Italia e realizzate molto bene in Romania.  La Tomaia in pelle pieno fiore ingrassata. Suola a doppia densità, molto confortevole sia sulle pedane sia per camminare a passeggio. Protezioni in plastica sagomate e cambio marcia in poliuretano. La chiusura dello stivale è affidata ad un velcro regolabile sulla parte alta e tre leve GH in plastica regolabili (al millimetro) e sostituibili. All’interno troviamo la membrana Drytex (impermeabile e traspirante) e le protezioni di  caviglia e tibia in TPU sagomate ed iniettate.  L’imbottitura interna si adatta al piede dopo qualche km e si può sostituire al bisogno la soletta antibatterica. Misure dalla 38 alla 49!

Protezione:

Ho mio malgrado testato gli stivali in una caduta. Scivolato su una duna di sabbia che aveva deciso di attraversare la strada, sono rimasto con la gamba e il piede incastrato sotto la moto. Il Piede è rimasto schiacciato tra la pedana del passeggero e le borse in alluminio! Devo davvero ringraziare gli Stivali!!!

Me la sono cavata con una distorsione della caviglia,contusione del ginocchio e una piccola frattura del perone. Se non avessi avuto gli stivali sarei con ogni probabilità all’ospedale con il malleolo devastato e il ginocchio sfatto. Fortunatamente lo stivale allacciato stretto, con i pantaloni tecnici infilati dentro hanno tenuto la gamba dritta e hanno evitato danni ben più gravi.

Sebbene dunque non siano stivali “rigidi” hanno fatto bene il loro lavoro e le protezione di caviglia e malleolo mi hanno salvato dal peggio. Esistono stivali prettamente “cross” simili agli scarponi da sci che sicuramente sono più protettivi ma al tempo stesso molto meno comodi e adatti al touring.

Comfort:

Inaspettato. Davvero inaspettato. A vederli sembrerebbero pesanti e rigidi, invece calzano molto bene, la suola è “morbida” e non stancano nelle passeggiate tra una tappa e l’altra. Ovviamente non sono delle infradito (!) ma per essere degli stivali alti sono rimasto stupito. Le imbottiture all’altezza della caviglia lasciano libero il movimento sia nel cambio marcia sia durante la camminata e la possibilità di regolare al millimetro la chiusura permette di trovare la giusta calzata in ogni momento. (nelle soste per pranzo ho semplicemente allentato un po’ le leve)

Grip:

Ottimo, sempre. Sia sull’asfalto bagnato che sullo sterrato non ho mai avuto problemi di “presa” e con una moto a pieno carico che sfiora i 400 kg non è da sottovalutare!!

Caldo Freddo e Bagnato:

Sono stivali 4 stagioni. Non saranno mai freschi come gli scarponi prettamente estivi ne caldi come quelli invernali… tuttavia io mi sono trovato bene. Il primo giorno di Marocco ho percorso un centinaio di chilometri sotto una pioggia infernale che dall’Oceano Atlantico soffiava sulla costa con raffiche di acqua e vento davvero violente. Al contrario del mio compagno di viaggio che aveva i pesci negli scarponi io sono rimasto con i calzini asciutti, (la pelle esterna degli stivali è ingrassata e quindi si può e deve re-ingrassare per aiutare lo stivale a rimanere sempre al TOP).

Non ho mai sofferto freddo neanche durante l’attraversamento dell’Atlante, ho percorso strade con ghiaccio e neve ai lati ma non ho sentito mai freddo ai piedi. Non ho mai trovato temperature sotto zero quindi non saprei dire come si comportano al freddo vero… ma per ora “pollice alzato”.

Caldo invece nel deserto ne ho trovato. 33 gradi e sterrati polverosi mi hanno accompagnato per 3 giorni di fila ma non ho mai avuto la sensazione di fastidio per il troppo caldo ai piedi. Certo non erano freschi come rose e dopo 8 ore di cavalcata in piedi sulle pedane, toglierli è stato bello… ma non mi posso lamentare!

Design:

Sono belli! quando si scelgono le calzature anche l’occhio vuole la sua parte e gli Adventure sono proprio fighi!

 

Conclusioni:

Sono soddisfatto e li riprenderei. Sono un buon compromesso tra sicurezza e comodità. Per la moto avventura potrebbero essere la scelta vincente!

 

 

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *